giovedì 18 ottobre 2012

EVENTI ARTE IMPERDIBILI: URBAN CONTEST GALLERY A ROMA


Urban Contest Gallery: a Roma una mostra dedicata alla Street Art, a dicembre l'asta delle 50 opere esposte

BelleArtiOnline vi offre i migliori prodotti all'ingrosso per Belle Arti su www.belleartionline.it (registratevi e dateci un'occhiata per rendervi subito conto della vasta gamma e degli ottimi prezzi) e ogni settimana vi tiene compagnia con il suo BaoBlog informandovi sui propri brand (Winsor&Newton, LeFranc&Bourgeois, Jullian, EmmeItalia, Liquitex, Conté a Paris, Derwent, Artograph, Letraset e Reeves), sui propri prodotti (colori a olio, acquarello, tempera, acrilico, matite e disegno tecnico, pro-marker, tele, cavalletti e chi più ne ha più ne metta) e su molto altro ancora riguardo all'arte in tutte le sue forme.

In queste prime due settimane di BaoBlog la rubrica "Alternativarte" ha riservato il proprio spazio alla Street Art e oggi, per l'evento settimanale scelto per voi da BelleArtiOnline, ha selezionato dunque un appuntamento in linea con lo stile "urbano" di questa settimana. Siamo sicuri che gradirete anche qualora voi foste appassionati di arte un po' più convenzionale, sappiamo bene che i nostri clienti e affezionati sono persone mentalmente aperte e amanti della comunicazione a 360 gradi ed è per questo motivo che vi invitiamo a fare un viaggio a Roma a partire dal 24 ottobre per visitare la "Urban Contest Gallery".

Urban Contest Gallery, location e spiegazione della mostra di Arte Urbana:

Dal 24 ottobre al 10 novembre la capitale italiana ospiterà una grande mostra internazionale sulla Street Art intitolata "Urban Contest Gallery 2012" grazie all'accordo raggiunto tra 21 Grammi, società romana ideatrice della manifestazione "Urban Contest", e Lanificio 159, realtà che in 5 anni ha convertito parte dello stabilimento dell'ex Lanificio Luciani (quartiere Pietralata) in uno spazio per idee e progetti di musica, sperimentazioni e performance visuali e artistiche.

La mostra verrà inaugurata mercoledì prossimo e resterà attiva appunto fino al 10 di novembre e potrà essere visitata al secondo piano dell'ex Lanificio Luciani (ora denominato Lanificio 159) situato in via Pietralata, 159/A, Roma.

www.urbancontest.it


Le opere:

Le opere in esposizione saranno 50 come il numero di writers emergenti e noti che le hanno realizzate; il Lanificio ospiterà i pannelli realizzati la scorsa estate a piazzale San Lorenzo dai 50 artisti italiani e stranieri che avevano partecipato al sopracitato "Urban Contest" svoltosi nell'ambito della manifestazione "San Lorenzo Estate". Le tecniche pittoriche utilizzate sono le più diverse, si va dall'acrilico allo spray, dall'olio ai colori naturali, dai pennarelli alla terra cruda, al cartone, gesso, collage, stencil, poster, aerografia e tanto altro ancora. Un'occasione unica per poter comprendere come la Street Art dia spazio a molteplici sfaccettature d'espressione tra cui scegliere; se volete reperire anche voi materiali utili per provare a cimentarvi in un'arte non convenzionale come questa potete cercare all'interno del catalogo www.belleartionline.it

Per maggiori info potete poi visitare il sito www.urbancontest.it o www.lanificio159.com

L'asta:

La "Urban Contest Gallery" sarà seguita da un'asta pubblica delle 50 opere che si svolgerà a Roma ai primi di dicembre in collaborazione con la casa d'aste Minerva Auctions. Un atto molto significativo per mettere a un movimento artistico alternativo e fuori dal comune concetto di arte figurativa, di trovare un riscontro anche commerciale per accrescerne popolarità e importanza.

Lo stesso Rocco Schiavone, responsabile relazioni esterne di 21 Grammi, ha dichiarato: “Siamo lieti di avviare questo nuovo progetto con Lanificio, dopo i positivi risultati della collaborazione durante l’ultima edizione di "San Lorenzo Estate"; riteniamo che questa location post-industriale si sposi perfettamente con lo stile e la filosofia delle straordinarie opere di Street Art che vi esporremo, consentendo al grande pubblico e anche agli appassionati di entrare in contatto con alcuni tra gli artisti più promettenti nel settore dell’arte urbana”.

Gli artisti:

Come anticipato saranno 50 i nomi della Street Art presenti a Roma, tra questi possiamo già citare con sicurezza: Aloha Oe / Awer / B / Beniamino Leone / Biodpi / Cancelletto / Carlo / Dastenit / Denise Giacchi / Dryve / Ellecieffe / GioPistone / Giulio Pompei / Greg® / Hopnn / Hyro / Ironmould / Magà / Maurizio Ceccato / Pierluigi Gisondi / Sarina e tanti altri.

Saranno fra loro anche il vincitore dello "Urban Contest 2012" della manifestazione San Lorenzo Estate, ovvero Teddy Killer (vincitore con "L'orso e la bambina"), e il vincitore del "999 Gallery", ovvero Aloha Oe, che verranno premiati proprio in occasione dell'inaugurazione ufficiale della mostra al Lanificio 159 il 23 ottobre.


Teddy Killer  (cliccate qui per accedere alla pagina Fecbook di Teddy Killer)

Aloha Oe (clicca qui per il profilo Facebook di Aloha Oe)

Cosa ne pensa BelleArtiOnline?

Come dicevamo nel post sulla Street Art focalizzato sul Graffitismo (clicca qui per leggere), BelleArtiOnline supporta qualsiasi tipo di espressione artistica e siamo fermamente convinti che, per quanto riguarda la Street Art, la "Urban Contest Gallery" rappresenti proprio quel punto di incontro e accordo necessario tra organi pubblici e writers per permettere ai primi di recuperare spazi metropolitani in disuso e cadenti portandoli a nuova vita tramite opere artistiche urbane ed eventi ad esse collegate e per permettere ai secondi di spogliarsi dell'identità che spesso purtroppo li accomuna ai vandali che imbrattano muri e vagoni ferroviari (e sappiamo bene che questi ultimi non hanno nulla a che vedere con i veri spray-can artist che rispettano l'ambiente in cui operano) portandoli verso il grande pubblico e valorizzandoli offrendo spazi appositi in cui esporre le loro performance.

Vi invitiamo dunque a passare al Lanificio 159 e ad avvicinarvi al mondo urbano della Street Art, un mondo creativo che offre mille possibilità diverse per esprimere le proprie idee e i propri sentimenti.

Ovviamente fatevi accompagnare dai prodotti di BelleArtiOnline che spera, al più presto, di poter affiancare alla gamma di colori acrilici, olio, tempera e promarker anche spray can per i writers professionisti (a patto che li usiate come si deve mi raccomando ;) ).

STREET ART, FOCUS SUL GRAFFITISMO E LE SUE FORME

Approfondiamo il viaggio nella Street Art: il Graffitismo, storia e forme

BelleArtiOnline è attenta a tutte le forme d'arte esistenti, siano esse convenzionali, insolite, anticonformiste o semplicemente simili a un hobby. All'interno dell'ingrosso online www.belleartionline.it potete trovare una vastissima gamma di prodotti per le Belle Arti scelti e pensati proprio sotto questa luce e speriamo di poter offrire al più presto una serie prodotti adatti a writers e appassionati di Street Art; ci stiamo lavorando seriamente!

Nel frattempo ricordate che la Urban Art si sta muovendo sempre più verso l'espressione su tela e BelleArtiOnline propone una scelta molto ampia di misure (anche tele in rotolo) su cui poter esprimere i propri Graffiti: visitate la sezione Bao sulle tele qui.

 
Uno dei famosi Street Art Work di Banksy approdato su tela, per tele canvas e in rotolo visitate www.belleartionline.it
 
Se foste invece seriamenti intenzionati ad applicare la vostra fantasia e la vostra sensibilità artistica a materiali più classici come i colori a olio, acrilici, a tempera o acquarello o foste dei bravi fumettisti o designer accedete al catalogo online per scegliere tra i migliori marchi già offerti da BelleArtiOnline e approfittate delle PromoBao settimanali con sconti di volta in volta diversi (date uno sguarda al BaoBlog dedicato alle PromoBao).
 
Detto questo passiamo al post di oggi che è un po' la continuazione del BaoBlog della scorsa settimana dedicato alla storia della Street Art (se volete rinfrescarvi la memoria cliccate qui).

 
 
 
Oggi ci focalizziamo sull'analisi della corrente artistica più significativa dell'Arte Urbana ovvero il Graffitismo (o Writing per quanto riguarda lo studio delle lettere) che assieme ad altri metodi d'espressione come la Sticker Art o la Stencil Art va a comporre il ventaglio di possibilità offerte dalla Street Art.
 
Il Graffitismo , non solo Writing:
 
Spesso capita di parlare di Graffiti Art usando il termine Writing; questo è un errore comune in quanto il Graffitismo riguarda l'atto creativo manifestato su spazi urbani pubblici che prevede, tramite l'uso di bombolette spray, pennarelli o colori indelebili, la diffusione della propria opera che coincide con un disegno mentre il Writing è l'atto creativo che prevede la creazione di un murales a forma di scritta con, alle spalle, un vero e proprio studio grafico delle lettere. Murales in entrambe i casi dunque, ma la Graffiti Art si esprime tramite figure mentre il Writing tramite lettere, spesso usate per identificare il proprio nome d'arte (detto tag) diffondendolo come fosse una sorta di logo. Se ci pensiamo, d'altronde, è lo stesso termine "writing" a suggerirci il suo reale significato dato che la traduzione corretta risale proprio all'azione di "scrivere", ovvero utilizzare delle lettere e non delle figure. I writers sono una vera e propria via di mezzo tra il mestiere di grafico e quello di artista, il tutto condito da una buona dose di filosofia urbana; dalle loro menti nascono veri e propri stilemi e molteplici alfabeti da utilizzare per i propri tag.

 
Esempio di Tag Alphabet
 

Detto ciò passiamo a dare una definizione generale di Graffitismo: esso indica una manifestazione sociale, culturale e artistica diffusa in tutto il pianeta, basata sull'espressione della propria creatività tramite interventi pittorici sul tessuto urbano. Il fenomeno, ricordando la pittura murale (murales, ovvero, disegno sul muro) è da alcuni spesso associato ad atti di vandalismo, poiché numerosi street artist utilizzano come supporti espressivi mezzi pubblici o edifici di interesse storico e artistico.
Per ovviare al problema alcune amministrazioni cumunali hanno trovato seri accordi con i writers più coscienziosi e rispettosi (BelleArtiOnline vuole sottolineare fortemente come gli artisti urbani non siano affatto tutti vandali!!) mettendo a loro disposizione delle "hall of fame", ovvero degli spazi a disposizione degli artisti urbani in cui dipingere legalmente. Spesso si tratta di muri esplicitamente dedicati all'espressione della Spray-can art (arte della bomboletta spray) o di luoghi siti in periferie degradate, di poco interesse o difficilmente raggiungibili in cui, per un tacito accordo con gli organi deputati al controllo dell'ordine pubblico, si lascia carta bianca agli spray-can artist che possono così dipingere con una relativa tranquillità.

Ogni artista della bomboletta tende a sviluppare il proprio stile e la propria personalità e non è cosa rara, soprattutto negli ultimi anni, che l'evoluzione sia andata spesso incontro al favore commerciale trasformando il Graffitismo in Graffiti Design a servizio di settori come la moda e l'abbigliamento. Obey, ad esempio, ha fatto della sua arte e delle sue capacità un vero e proprio business, proiettandole sulle magliette dei ragazzi di tutto il mondo che vestono streetwear. C'è chi è d'accordo e chi, tra i puristi della Street Art, storce il naso definendo l'Arte Urbana come non "vendibile" perchè anticonformista e contro le politiche commerciali di sua natura.

 
Il Gigante di Obey, oggi marchio inconfondibile dell'artista e dell'omonima linea di streetwear
 
Le opinioni sono tante, ciò che resta certo, per quanto ci riguarda, è che la Street Art meriti in qualsiasi caso di essere trattata con i guanti come vera e propria Arte con la A maiuscola!

Storia del Graffitismo:
 
Le origini del Graffitismo possono essere fatte risalire all'abitudine dei soldati alleati nel corso degli anni Quaranta di disegnare lo scarabocchio Kilroy, ma il vero punto di partenza sono la Filadelfia degli anni Sessanta e, in seguito, la città di New York degli anni Settanta e della prima metà degli Ottanta. Sono proprio le periferie e i ghetti della Grande Mela a fare da terreno fertile per la crescita di quello che sarebbe poi divenuto un movimento globale non solo dal punto di vista tecnico ma anche dal punto di vista del pensiero e dello stile di vita.

 



I due nomi che aprono la strada al Graffitismo soprattutto per quanto riguarda la corrente dell'Aerosol Art sono quelli di Taki 183 e di Rammellzee. Tra il 1972 e il 1975, si intravedono i primi pezzi che prevedevano uno studio e un ingrandimento delle proprie firme con un inspessimento delle lettere e con delle prove tecniche di riempimento e di contorno (detto outline). Di pari passo con la crescita della Graffiti Art cresceva, ovviamente, anche il movimento contrario a questa pratica; i primi tentativi di repressione coincidevano con una semplice pulizia delle carrozze e dei vagoni che venivano usati come "tele" urbane su cui esprimersi e, negli anni seguenti, iniziarono ad essere erette delle recinzioni attorno ai luoghi preferiti dagli street artist facendo circolare pattuglie cinofile attorno alle recinzioni stesse.
 

 
L'arte, però, è ben difficile da fermare e i writers continuarono per anni a sfidarsi, innalzando il livello delle creazioni e migliorando qualitativamente le proprie opere e capacità toccando picchi eccezionali. Tra gli anni Ottanta e Novanta in America (ma anche in Europa) si affacciarono una serie infinita di nuovi stili (loop e nuvole ad esempio) e vennero perfezionati quelli già esistenti con l'aggiunta di sfondi, immagini tipografiche, personaggi di cartoni animati (puppets), forme rubate alla segnaletica stradale o alla logotipia. Aumentavano le idee e aumentavano anche le dimensioni delle opere divenendo ancora più elaborate e colorate con la tendenza Wild Style.
 
E in Europa? Anche il nostro continente non fu da meno e, soprattutto grazie alla diffusione del film "Wild Style" (1983, Charlie Ahearn) e dello storico documentario "Style Wars" (1983, Tony Silver), che illustravano la vita metropolitana dei graffiti di New York, il fenomeno della Graffiti Art riuscì a diffondersi anche da noi trovando un buon terreno su cui seminare le proprie idee; città italiane come Roma, Milano, Padova o Bologna sono l'esempio nostrano della riuscita di tale impresa!

 
La copertina di Style Wars, documentario hip hop sulla Street Art
 
 
Aerosol Art e Graffiti Logo, evoluzione naturale del Graffitismo:
 
Abbiamo ammesso che il Graffitismo sia oggi categoria madre ma in un certo senso anche figlia del Writing, questo perchè i primi esperimenti quando si prende in mano un qualsiasi materiale in grado di scrivere o colorare si fanno generalmente giocando con il proprio nome. Abbiamo anche precisato che, però, il Graffitismo non si è fermato al Writing e si è evoluto utilizzando la bomboletta per creare veri e propri disegni e figure e dando vita a quella che viene definita Aerosol Art.
 
Essa è stata una delle prime espressioni artistiche accostate al Graffiti writing. Si tratta dell'utilizzo della bomboletta spray con applicazioni pittoriche aerografiche simili alle produzioni aerografiche convenzionali; dapprima ha arricchito di significato le scritte graffiti connotandole e rendendole appetibili al grande pubblico e, successivamente, ha trovato una propria indipendenza e dignità artistica. Molti aerosol artist sono anche graffiti writer ma emergono sempre più figure che fanno dell'Aerosol Art sia un punto di partenza che di arrivo. Essa si configura quindi come una tecnica pittorica aerografica spesso associata alle produzioni graffiti writing ma vive anche di vita propria.
 
Per quanto riguarda il Graffiti Logo, invece, esso si delinea quando alcuni graffiti writer cominciano ad associare il proprio nome ad un'icona che viene riprodotta serialmente sulle superfici di contesti urbani. Questo fenomeno espressivo è stato protagonista delle prime esperienze di Street Art a livello internazionale connotando molti artisti di successo. La prima street artist in Italia ad usare nuove tecniche espressive quali la riproduzione del logo e le pitture monumentali per mezzo di spray e tempere è stata Pea Brain a Bologna all'inizio degli anni Novanta, precedendo la "nouvelle vague" di Street Art che sta nascendo da qualche anno a questa parte. Ve la ricordate? Ne avevamo parlato anche nel BaoBlog della settimana scorsa!
 
Pea Brain e la famosa "ochetta volante"

 
Rapporto tra Graffitismo e Arti Maggiori: il Post Graffiti Art

Il Graffitismo si è trovato molto spesso in conflitto con le amministrazioni pubbliche ma non solo; il dibattito è spesso aperto anche con chi si occupa di arte un po' più convenzionale e classica spesso definita con il termine Arti MaggioriBelleArtiOnline crede che non esistano arti maggiori o minori ma che tutte le forme d'espressione detengano pari dignità (è per questo che vuole arrivare a proporre dei prodotti utili davvero a tutti gli artisti, qualsiasi sia la loro forma di comunicazione), tuttavia capita non di rado di ascoltare opinioni contrarie all'affermare che il Graffito possa essere considerato come un'arte a tutti gli effetti.

Dall'incontro/scontro tra Arte convenzionale (come il classico dipinto su tela ad esempio) e Arte non convenzionale (la Street Art appunto) è nata una corrente tutta particolare che si interpone tra questi due mondi: il Post Graffitismo. La differenza con lo storico e tradizionale Graffiti Writing sta nel campo di applicazione delle produzioni dello street artist che diviene un po' meno "street" (nel senso più selvaggio del termine) e un po' più "artist" (ovvero più vicino all'approccio convenzionale delle cosiddette Arti Maggiori); in pratica un post graffiti artist si cimenta nella Urban Art applicata a discipline più convenzionali confrontandosi anche con creativi che non hanno un'importazione legata per forza al gusto della Graffiti Art (spesso anche con canali espressivi convenzionali o innovativi come le arti digitali e i new media, quindi Arte convenzionale in senso molto ampio, non solo classico).

 
 
 
 
Si tratta del Graffito Contemporaneo, qualcosa che si distacca sempre più del tutto dal Writing e dallo studio delle lettere e che sviluppa la Street Art figurativa con opere che non sono solo emozionalmente di grande impatto visivo (come l'Aerosol Art degli anni Ottanta e Novanta) ma hanno qualcosa da dire, possiedono un significato serio e impegnato o sono metafore usate per descrivere una filosofia o un pensiero anche su temi di interesse pubblico anche con metodi diversi dal classico muro su cui gettare le proprie idee. Proprio come la tradizione delle grandi Arti Maggiori, il Post Graffitismo diventa interprete del proprio tempo e testimonianza della nostra contemporaneità lasciata in dono alle generazioni future. Nulla di meno di ciò che hanno fatto grandi artisti come Picasso ad esempio che con "Guernica" ci ha permesso di provare oggi tutto il dolore e la confusione della passata Guerra Civile spagnola.
 
Conflitto con l'amministrazione pubblica e le forze dell'ordine: la legge in Italia cosa dice?
 
BelleArtiOnline è convinta che qualsiasi forma d'arte vada tutelata ma è anche convinta che il valore e il rispetto del suolo pubblico e degli spazi comuni come muri, treni, capannoni e quant'altro siano indubbiamente da non tralasciare. La via di mezzo sta dunque nella consapevolezza degli street artist incrociata con l'elasticità mentale delle amministrazioni comunali; le due fazioni dovrebbere venirsi incontro, come già accade in alcune città, accordandosi su ambienti appositi in cui esprimere questa forma di comunicazione accattivante, diretta e soprattutto gratuita per quanto riguarda il pubblico.
 
In Italia, il Codice Penale all' Art. 639 Deturpamento e imbrattamento di cose altrui recita:
 
"Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 635, deturpa o imbratta cose mobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a euro 103.
 
Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati, si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300 a 1.000 euro. Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da 1.000 a 3.000 euro.
 
Nei casi di recidiva per le ipotesi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a 10.000 euro.
 
Nei casi previsti dal secondo comma si procede d'ufficio."
 
BelleArtiOnline invita perciò writers, street artist, sticker artist e chiunque si armi di pennarello, bomboletta o altro materiale che può "lasciare il segno", a rispettare tali regolamenti pretendendo di avere spazi appositamente dedicati in cui poter sbizzarrire la propria creatività all'interno del proprio ambiente urbano in cambio di un trattamento educato degli spazi urbani comuni tutelati nella loro essenza, magari storica, e quindi non deturpabili, anche qualora si trattasse di un'opera grandiosa nella mente dell'artista urbano. Vi ricordiamo inoltre che esistono le tele e che sempre più artisti della bomboletta di esprimono anche su di esse e non per forza su un muro (oppure scelgono addirittura altri supporti ancora più creativi come ad esempio vecchi skateboard); qualora foste interessanti a procurarvi un po' di telai su cui creare ricordatevi del vasto assortimento su BelleArtiOnline sezione Tele per dipingere!

 
Il Graffito è sempre più comune su tela, per canvas di tutte le dimensioni (anche tele a rotolo) visitate BelleArtiOnline qui
 
Infine, nel caso in cui vogliate esprimervi con altri metodi o materiali più classici all'interno del vostro atelier piuttosto che su muro vi ricordiamo di visitare www.belleartionline.it e scegliere i prodotti più adatti a voi al migliore prezzo presente sul mercato!
LET'S GIVE ART A CHANCE!
Si è verificato un errore nel gadget